storia della medicina

Wu Lien-teh, Un Gigante Nella Storia Della Medicina

di Stefano Fortini

Durante l’epidemia manciuriana nel 1910-11 un eroe della storia della medicina si distinse. Il suo nome era Wu Lien-teh.

Anche Google ha dedicato un doodle a Wu Lien-teh, epidemiologo cinese-malese, i cui sforzi, non solo hanno cambiato la salute pubblica in Cina ma quella del mondo intero.

Wu Lien-teh

Il 31 marzo del 1911 si registrava l’ultimo caso di peste polmonare in Cina. Questo decretò la fine di un’epidemia che aveva mietuto oltre 60,000 vittime.

In questa sofferta vittoria dell’uomo contro il batterio Yersinia pestis, ha giocato un ruolo cruciale il medico malese di origini cinesi Wu Lien-teh. Se volete conoscere la sua storia continuate a leggere.

Wu Lien-Teh, gigante della storia della medicina

Il dottor Wu Lien-teh nacque il 10 marzo del 1879, nello stato di Penang, in Malaysia. E fu uno dei primi medici a progettare e promuovere le mascherine chirurgiche come mezzo di protezione durante l’epidemia di peste che colpì la regione cinese della Manciuria nel 1910.

Benché fosse alto solo 157 cm, Wu Lien-Teh può essere considerato un gigante nella storia della medicina, il padre della medicina cinese moderna. Fu candidato al premio Nobel per la Medicina nel 1935 per la sua lotta all’epidemia manciuriana e per aver identificato il ruolo della marmotta tarbagan (marmota siribica) nella trasmissione della malattia.

LEGGI ANCHE…
Malattie e Immunizzazioni, Breve Storia Delle Vaccinazioni

Nell’autunno del 1910 scoppiò un’epidemia mortale nel nord-est della Cina. La prima vittima si manifestò nella città di Manzhouli. Ma ben presto il contagio raggiunse Harbin, capoluogo dell’Heilongjiang e una delle città più popolose della regione.

Fu proprio ad Harbin che il dottor Wu eseguì quella che fu la prima autopsia mai effettuata in Cina. Il corpo apparteneva ad una donna giapponese morta a causa dell’epidemia. E il dottor Wu riconobbe nei tessuti il batterio Yersinia pestis. Poi concluse che l’epidemia in corso era peste polmonare. E che il contagio poteva essere trasmesso per via aerea mediante quelle goccioline di saliva che oggi vengono chiamate “droplets”.

Ciò era contrario all’opinione diffusa che solo topi o insetti potessero trasmettere la peste. E non le persone. E le mascherine progettate dal dottor Wu, per contrastare la diffusione del contagio, fatte di cotone idrofilo e garza chirurgica, vennero accolte con scetticismo.

Il dottor Mesny, un medico inviato ad Harbin dal governo francese per via della necessità di azioni urgenti, visitò un ospedale rifiutandosi di usare la mascherina. E pochi giorni dopo morì di peste polmonare. L’episodio colpì la comunità scientifica internazionale.

Il dottor Wu incentivò l’uso delle mascherine nella popolazione suggerendo al contempo di limitare gli spostamenti. Poi riuscì anche a convincere le autorità cinesi e russe a sospendere il trasporto ferroviario.

La diffusione del contagio in altre città e regioni si ridusse notevolmente, mentre ad Harbin la gente continuava a morire. Il dottor Wu ritenne che i cadaveri delle persone decedute, a causa della peste, potessero fungere da incubatori batteriologici. E che la malattia avrebbe potuto continuare a diffondersi a causa dei topi che rovistavano tra i corpi.

Per questo il dottor Wu ritenne che l’unica soluzione possibile fosse una cremazione di massa. Tale pratica era ritenuta sacrilega nella cultura cinese e i suoi primi sforzi per convincere le autorità furono vani.

Così il piccolo grande medico si risolse a scrivere direttamente all’Imperatore Pu Yi, ricevendo dopo tre giorni il permesso a procedere con la cremazione tramite un Editto Imperiale.

Il 31 gennaio 1911, nel giorno del capodanno cinese, avvenne la prima cremazione di massa nella storia della Cina. Il 31 marzo dello stesso anno fu registrato l’ultimo caso di peste.

Dottor Wu e la storia della medicina

La malattia era stata sconfitta e il dottor Wu aveva giocato un ruolo fondamentale.

Negli anni a venire il dottor Wu ricoprì numerosi incarichi che gli permisero di rinnovare profondamente il sistema sanitario cinese, promuovendo la salute pubblica, l’educazione sanitaria e la medicina preventiva.

Nel 1915 venne fondata l’Associazione Nazionale dei Medici, di cui fu presidente per quattro anni e nel 1930 contribuì alla creazione di un organismo per il controllo delle quarantene.

Quando nel 1937 scoppiò la seconda guerra sino-giapponese, il dottor Wu lasciò la Cina per non mettervi più piede. Ritornato nella natia Malaysia aprì una clinica privata ad Ipoh che forniva cure mediche gratuite ai poveri.

Appassionato di arte, storia e filosofia, si adoperò anche per promuovere la lettura tra i più giovani e organizzò una raccolta fondi per realizzare una biblioteca pubblica.

La storia della medicina gli deve moltissimo. Il dottor Wu morì il 20 febbraio del 1960 all’età di 80 anni. E riuscì a praticare la medicina fino a quando il suo stato di salute glielo ha permesso.

Oggi è quasi una figura leggendaria nella storia della medicina cinese. E il lascito delle sue vicende umane e professionali è tuttora fecondo, potendo essere fonte di numerose riflessioni relative alla situazione che l’umanità sta affrontando.

Bibliografia:

  • Zhongliang Ma, Yanli Li, Dr. Wu Lien Teh, plague fighter and father of the Chinese public health system, Springerlink, 2016;
  • Kam Hing Lee, Danny Tze-ken Wong, Tak Ming Ho, Kwan Hoong Ng, Dr Wu Lien-teh: modernising post-1911 Chinas public health service, Singapore Med, 2014;
  • Remembering Dr. Wu Lien-Teh, the Malayan unsung public health hero, CRC newsletter, 2015.

Saluti da Stefano!

Renditi Consapevole… Entra Nella Nostra Lista!

Vieni a visitarci sulla nostra pagina Facebook e Metti il tuo MiPiace!

Condividi il nostro articolo sui tuoi social >>

0 commento

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare anche...

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

RENDITI CONSAPEVOLE.ENTRA NELLA NOSTRA LISTA...

RENDITI CONSAPEVOLE.
ENTRA NELLA NOSTRA LISTA...

ISCRIVITI per ricevere nella tua email i nostri articoli, i nostri contenuti speciali e tutte le novità del mondo di CiRifletto.

Grazie per esserti iscritto!