Tranquillo Cremona

Tranquillo Cremona, il pittore ucciso dal bianco

di Tommaso Baldi

La vicenda, tragica e romantica allo stesso tempo, della morte di Tranquillo Cremona che finiva i quadri sfumando i colori con le dita.

E’ il 10 giugno 1878. Tranquillo Cremona, giovane pittore di 41 anni, si accinge a terminare il suo quadro dal titolo ‘Edera’. Un quadro simbolista dedicato all’eterna fedeltà delle promesse d’amore. Due amanti in primo piano (due donne a guardare bene, a testimoniare l’anticonformismo del pittore) e la pianta sempreverde, avvinta al corpo del muro.

Tranquillo Cremona, Edera il suo ultimo dipinto

Da qualche giorno sta soffrendo di dolori al ventre, quasi insopportabili. Era saturnismo, intossicazione da piombo. Il quale era contenuto nel colore bianco, che egli prediligeva e con il quale otteneva quegli effetti di luce e quell’estremo sfumato che contraddistingueva i suoi dipinti.

Tranquillo Cremona, difatti, dopo un primo intervento con i pennelli, rifiniva le opere con le dita, per ottenere lo ‘sfumato sul contorno’: il pollice per espandere la luce, l’indice o il medio per dare il lume, con maggior precisione. Tutte le dita per rendere la massima vaporosità ai propri dipinti.

Tranquillo Cremona conversazione

Nonostante i dolori, sempre più frequenti, il giovane pittore è risoluto a terminare il quadro. E allora, lasciati da parte i pennelli, sfuma con le dita il tanto amato colore bianco. Questa tecnica, che, come detto, adopera spesso, gli consente di ottenere quei giochi luminosi, quelle sognanti atmosfere fatte di forme indefinite, come avvolte da un vapore, quasi proveniente dalle stazioni di Monet.

Tra un gesto e l’altro, inconsapevolmente, porta il dito alla bocca. E questo porterà alla sua morte per avvelenamento da piombo. Per colpa della biacca, quel bianco prediletto, prodotto da pigmento altamente tossico ottenuto dal carbonato basico di piombo.

Biacca, bianco piombo di Tranquillo Cremona

Finì così la vita di Tranquillo Cremona, pittore appartenuto alla Scapigliatura lombarda e punto di riferimento di artisti come Medardo Rosso e Umberto Boccioni, per la natura sfatta delle sue immagini dovuta al suo ostinato sforzo di fondere le figure con l’ambiente.

Le cronache scapigliate milanesi raccontano di un personaggio suggestivo, ma al contempo strano ed anticonformista. E, a questo riguardo, sono famosi alcuni aneddoti che lo riguardano, soprattutto con i suoi ‘colleghi’ della Scapigliatura. Per esempio così parlava di lui Carlo Dossi: ‘Studiano gli scienziati il modo d’immagazzinare il sole. Io dico loro: guardate i quadri di Tranquillo Cremona‘. Oppure, in un’altra occasione parlando con Cremona stesso gli disse: ‘Oggi sei più stupido del solito’ e Cremona rispose: ‘È per poter farmi capire da te’. Infine, tra le cose più curiose che lo riguardano, viene sempre citata la questione del bizzarro elmo da soldato romano, con una candela al posto del cimiero; se lo metteva in testa per andare al bagno di notte.

Ecco qua alcuni dei suoi capolavori.

LEGGI ANCHE…
Marc Chagall: 13 Curiosità Poco Note Sul Pittore Dei Sogni

Ciao a tutti da Tommaso!!

Vieni a visitarci sulla nostra pagina Facebook e Metti il tuo MiPiace!

1 commento

1 commento

Chiara Poggi 1 Aprile 2020 - 10:37

Mi è sempre piaciuto, un maestro della luce e poi un grande ritrattista .

Risposta

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare anche...

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

RENDITI CONSAPEVOLE.ENTRA NELLA NOSTRA LISTA...

RENDITI CONSAPEVOLE.
ENTRA NELLA NOSTRA LISTA...

ISCRIVITI per ricevere nella tua email i nostri articoli, i nostri contenuti speciali e tutte le novità del mondo di CiRifletto.

Grazie per esserti iscritto!