Il Pericolo Dell’Educazione All’Omologazione

di Tommaso Baldi

Alike è un corto d’animazione che mette in guardia gli adulti e i genitori dal pericolo dell’omologazione, e fa riflettere sulle cose importanti della vita.

La competitività è, oggi, una cultura diffusa e condivisa che trova conferme anche negli ambienti meno sospetti, come la scuola, il campetto da calcio, l’oratorio. Da questi luoghi i bambini e gli adolescenti sono trasformati in pseudoadulti sicuri e arroganti, scaltri e arrivisti, freddi, sempre di fretta, capaci di comandare e di pretendere.

Ridono di me perché io sono diverso. Rido di loro perché sono tutti uguali.

Kurt Cobain

Alike, diretto da Daniel Martínez Lara e Rafa Cano Méndez, vincitore del premio Goya del cinema come miglior corto del 2016, ci mostra tutto questo. Cioè evidenzia come i luoghi abituali, dove i bambini apprendono e crescono, tendano a sopprimere le loro diverse personalità, cercando di renderli tutti uguali, eliminando le loro caratteristiche specifiche individuali.

Omologandoli, insomma.

In particolare la scuola ha accolto la pretesa avanzata da molti genitori: richiedere ai più piccoli la perfezione. La figura del bambino e dell’adolescente, che incarna meglio questa richiesta, è il cosiddetto “primo della classe”: quei ragazzi che quando tornano a casa e dicono ai genitori di aver preso sette in italiano, si sentono rispondere: ma non prendevi sempre nove?.

Questa condizione non è l’ideale per la crescita psicologica di una persona, e di solito ce ne accorgiamo alla fine di un ciclo scolastico. Molti dei percorsi che portano un adolescente a farsi del male, nei tanti modi possibili, iniziano da una perfezione forzata, da un’omologazione indotta, dalle attese che i genitori hanno nei confronti dei figli e che sui ragazzi pesano addosso come macigni.

La competizione non è per tutti e soprattutto non seleziona i migliori, solo i meno sensibili.

omologazione mele

Il bambino protagonista di Alike ha una particolare attitudine per l’arte e un’inclinazione per la musica. La mattina, si ferma ad ascoltare il musicista di strada, perchè gli provoca emozioni intense. Ma puntualmente viene strattonato via dal padre, il quale pensa che invece di perdere tempo a sentire quell’uomo suonare, il figlio dovrebbe affrettarsi, in modo da non arrivare in ritardo a lezione.

Il padre vuole insegnare al figlio quale sia la retta via: gli prepara la cartella ogni mattina e lo accompagna a scuola, mentre lui va a lavorare seguendo la sua ordinaria routine. Pian piano, però, le regole imposte dalla vita quotidiana iniziano a spegnere lo spirito gioioso del bambino. Fino al momento in cui il padre, finalmente, comprenderà l’importanza dell’immaginazione…

Perciò, qual è la retta via? Alzi una mano chi sa rispondere a questa domanda.

E poi… un’altra domanda sorge spontanea…. La scuola deve per forza assecondare l’omologazione, per trasformare tutti i bambini in piccoli amministratori delegati, o potrebbe tentare di essere pure un luogo capace di insegnare a sopravvivere anche a quei bambini che non vogliono omologarsi e restare persone sensibili?

Un bambino ha diritto di vivere il proprio tempo non come un incubo pressante – compiti, sport, corso di lingua straniera, laboratorio di teatro, di cucina, di pittura, di cinema, di musica – ma come divertimento, gioco, gioia… magari anche gli stessi doveri.

LEGGI ANCHE…
Didattica A Distanza, Storia Di Un Legame Non Convenzionale

Il tempo libero sembra essere diventato una cosa rara: non ne abbiamo più, e se ne abbiamo non sappiamo come usarlo. Dobbiamo imparare di nuovo a perdere tempo, e insegnarlo ai bambini.

Dobbiamo insegnare ai bambini che il tempo è luogo di comunicazione. Un luogo di conoscenza delle diversità, transito di affetti ed emozioni, ma anche solitudine, a volte disincanto, frustrazione. Se riusciamo a dare il tempo ai nostri bambini, insegneremo loro a cercarlo, a conservarlo e così, forse, potranno inventarsi una vita meno scontata, che rifugge l’omologazione.

Un corto emozionante, in cui i personaggi acquistano colore ogni volta che un’emozione positiva entra a far parte della loro vita. Da vedere e rivedere da soli e con i vostri figli!!

Ogni volta che vi trovate sul lato della maggioranza, è il momento di fermarsi a riflettere.

Mark Twain

Perciò, vi richiedo… qual è la retta via? L’omologazione o abbiamo altre opzioni? Spero mi darete una risposta nei commenti qui sotto.

Ciao da Tommaso!!

Vieni a visitarci sulla nostra pagina Facebook e Metti il tuo MiPiace!

0 commento

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare anche...

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

RENDITI CONSAPEVOLE.
ENTRA NELLA NOSTRA LISTA...

ISCRIVITI per ricevere nella tua email i nostri articoli, i nostri contenuti speciali e tutte le novità del mondo di CiRifletto.

Grazie per esserti iscritto!