iceberg a strisce

I Meravigliosi Iceberg A Strisce In Antartide

di Tommaso Baldi

L’acqua di mare, le alghe e la mancanza di crepe possono creare colori diversi dal bianco. Verde, giallo, blu, marrone e nero, lo spettacolo degli iceberg a strisce.

Quando si pensa all’Antartide, di solito vengono in mente gli iceberg bianchi incontaminati; probabilmente l’ultima cosa che ti aspetteresti sono iceberg a strisce blu, verdi, gialle e persino marroni.

L’iconico iceberg è un imponente pezzo bianco di ghiaccio coperto di neve, comune negli oceani freddi. Ma fai un viaggio in Antartide e scoprirai che gli iceberg sono disponibili in una miriade di sfumature e fantasie multicolori, persino simili a caramelle a strisce. Gli iceberg possono essere verdi, blu, gialli o neri. Il ghiaccio può brillare come uno zaffiro o essere torbido come una pozza di fango ghiacciato.

È stato il marinaio norvegese Oyvind Tangen che per primo ha fotografato e descritto questi ghiacciai, a bordo di una nave da ricerca a circa 1.700 miglia a sud di Città del Capo e a 660 miglia a nord dell’Antartico, nel 2008. Se sei abbastanza fortunato da andare in Antartide, stai in campana… potresti vedere una di queste fantastiche meraviglie!

iceberg a strisce

Gli iceberg si formano quando grandi blocchi di ghiaccio si staccano dalla piattaforma di ghiaccio dei ghiacciai e galleggiano in mare aperto. Poiché i ghiacciai sono formati dalla neve caduta nel continente antartico nel corso dei millenni, questo ghiaccio è costituito da pura acqua dolce. Questo pezzo galleggiante di ghiaccio d’acqua dolce interagisce quindi con l’acqua di mare sotto di esso.

Quando l’acqua di mare viene aspirata in profondità dalle correnti oceaniche, si raffredda e si congela alla base della piattaforma di ghiaccio. Poiché questo ghiaccio è formato da acqua di mare, che contiene materia organica e minerali, provoca varietà di colore e consistenza all’iceberg. Se fosse ricco di alghe, si potrà formare una striscia verde. Man mano che i berg vengono frammentati e scolpiti dal vento e dalle onde, i diversi strati colorati possono sviluppare motivi sorprendenti.

Ma, per esempio, anche le crepe contribuiscono anche alla creazione di iceberg a strisce. Le fessure alla base di una piattaforma di ghiaccio possono essere inondate di acqua di mare che poi si congela. Se una serie di crepe si aprono contemporaneamente, l’iceberg è striato da bande di un solo colore. Se le crepe si aprono nel tempo e vengono allagate da diversi tipi di acqua di mare, le strisce dell’iceberg possono essere multicolori.

La presenza di crepe, molto frequente nel ghiaccio marino, di solito privo di difetti, contribuisce alla creazione degli iceberg neri lucidi. Solitamente gli scienziati affermano che in questi blocchi non c’è niente che disperda la luce, non ci sono fessure perciò il nero è il colore che giunge ai nostri occhi. Aggiungi delle crepe che diffondano la luce e il ghiaccio riacquisterà la sua tonalità blu.

iceberg a strisce

Il colore di un iceberg è determinato da come interagisce con la luce. La fisica di base prevede che gli iceberg dovrebbero essere blu. Questo perché il “ghiaccio puro” – acqua congelata priva di contaminanti – assorbe le lunghezze d’onda più lunghe della luce visibile (gialle e rosse), in modo più efficace di quelle più corte (indaco e blu). Una spessa lastra di ghiaccio puro filtrerebbe la luce rossa così la luce blu si rifletterebbe verso i nostri occhi, facendo apparire il ghiaccio blu.

Perché, allora, l’iconico iceberg è bianco? Perché di solito è coperto di neve densa. I fiocchi di neve riflettono allo stesso modo tutte le lunghezze d’onda della luce, quindi un pezzo di ghiaccio coperto di neve appare sbiancato. Togli la coltre di neve e un iceberg rivela il suo vero colore.

Iceberg di altri colori si formano in base al congelamento dell’acqua di mare. Quando ciò accade, le particelle sospese nell’acqua vengono incorporate nel ghiaccio. Le particelle possono modificare l’interazione del ghiaccio con la luce e quindi il suo colore. Le cellule morte e frantumate della vita marina, o la polvere di roccia ricca di ferro, colorano entrambe le sfumature del ghiaccio marino di verde e giallo. Grandi quantità di materia organica morta riflettono la luce gialla che, di conseguenza, farà brillare un iceberg come la giada.

LEGGI ANCHE…
10 Consigli Sostenibili Per Il Nostro Quotidiano

Alla fine, gli iceberg colorati scomparirebbero con il riscaldamento del pianeta? Questa è una buona domanda ma ancora senza una risposta chiara.

Ciao da Tommaso!

Renditi Consapevole… Entra Nella Nostra Lista!

Vieni a visitarci sulla nostra pagina Facebook e Metti il tuo MiPiace!

Condividi il nostro articolo sui tuoi social >>

0 commento

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare anche...

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

RENDITI CONSAPEVOLE.
ENTRA NELLA NOSTRA LISTA...

ISCRIVITI per ricevere nella tua email i nostri articoli, i nostri contenuti speciali e tutte le novità del mondo di CiRifletto.

Grazie per esserti iscritto!