Acquistare un'opera

Le 5 Domande Che Devi Farti Prima Di Acquistare Un’Opera D’Arte

di Tommaso Baldi

Acquistare un’opera d’arte è, prima di tutto, un investimento in salute, dopodichè, se fatta con i dovuti aiuti professionali, può diventare anche un investimento in denaro.

Questo mi piace dire ai miei clienti, quando si accingono ad acquistare un’opera d’arte. E’ facile entrare in una galleria e rimanere impressionati alla vista di un dipinto, una scultura, una foto o altro. Ma prendere la decisione di acquistare è complesso e richiede attenzione, cautela e riflessione.

Il lavoro del pittore non finisce col suo quadro: finisce negli occhi di chi lo guarderà.

Alberto Sughi

Allora cosa deve fare un appassionato, un collezionista per fare il grande passo?

Per acquistare con intelligenza, il dialogo con artisti, galleristi, critici d’arte e consulenti vi aiuterà a perfezionare il vostro modo di vedere, a sviluppare conoscenza e sensibilità. Incontri, visite e letture faranno di voi dei collezionisti informati e, di esperienza in esperienza, collezionare diventerà più gratificante.

Poi, impegnatevi a rispondere, più sinceramente possibile, alle prossime 5 domande.

Domanda n°1 – E’ vero amore oppure è un’infatuazione?

Tutti i più esperti collezionisti d’arte hanno fatto errori. Perchè? Semplicemente perchè acquistare un’opera d’istinto non sempre si rivela giusto.

Perciò occorre prendersi un po’ di tempo per capire se la voglia del possesso è legata ad un attimo destinato ad esaurirsi oppure è frutto di un desiderio sentito e duraturo. Anche considerando l’eventuale esborso economico. Per questo motivo è sempre positivo farsi aiutare da un professionista, che riesca ad ‘inquadrare’ al meglio la situazione.

Poi, detto questo, sono sempre più convinto che ci innamoriamo di un’opera d’arte e del suo stile. E che la vogliamo perchè è lei stessa che ci chiama. E quel richiamo è così potente che non possiamo poi fare a meno di pensarci e dobbiamo averla. Vi è successo? A me diverse volte. Dobbiamo essere bravi a distinguere questa situazione con l’ansia dell’acquisto a tutti i costi.

E questo si può fare solo se siamo informati e consapevoli.

acquistare un'opera in fiera

Domanda n°2 – E’ il prezzo giusto?

I prezzi da record per famose opere d’arte fanno grandi titoli, ma la maggior parte di noi non aggiungerà un Van Gogh, Caravaggio o Pollock alla propria collezione nell’immediato futuro. I prezzi per le opere d’arte variano notevolmente, e anche i collezionisti più esperti devono fare ricerche quando siamo di fronte alla scelta: ‘Lo compro? SI/NO’.

Essere consapevoli dei prezzi di un artista, oppure conoscere il range di prezzo delle opere di una scuola artistica (impressionismo, ecc…) sono solo le linee guida, per un acquisto corretto.

Consulenti d’arte esperti e altri professionisti dell’arte, sono buone fonti di questo tipo di informazioni, anche se il loro tempo cosa qualche soldino.

Riconoscere e stabilire su due piedi il valore monetario di un’opera è una sfida difficile. Talvolta, per determinati artisti, è praticamente impossibile. Quindi le informazioni reperibili e attendibili, e l’aiuto di professionisti, seri e affidabili, sono l’unica forma di tutela del collezionista. Suggerirei di prendere informazioni sulla reputazione del venditore, soprattutto nel caso in cui l’investimento sia ingente, e, nel caso, farei in modo che a farlo sia il vostro avvocato o consulente, in modo che la cosa abbia una piega ufficiale.

Nel mercato dell’arte ci sono commercianti bravissimi e, loro stessi appassionati. Sono questi a cui ci dobbiamo rivolgere, quelli in cui si riconosce la passione e la competenza. Poi ci sono i commercianti e basta, che fanno, comunque, il loro mestiere ma forse non hanno la giusta prospettiva per accompagnare il collezionista in un acquisto consapevole e pensato. Alcuni fanno troppe pressioni sui collezionisti con stratagemmi poco chiari. Forse questa è una buona indicazione che suggerisce di sentire un altro parere.

Nel caso in cui l’opera d’arte vi piace, ma supera il vostro budget, non siate intimiditi, chiedete alla galleria o al mercante se può venirvi incontro. Alcune gallerie e mercanti d’arte accettano di trattare (soprattutto nelle fiere d’arte) e possono accordare uno sconto dal 5 al 15%. Alcuni venditori professionali accettano anche pagamenti a rate. Attenzione, però, se le agevolazioni di pagamento e gli sconti sono normali con i galleristi e i mercanti d’arte, la cosa è impossibile alle aste! In un’asta, il prezzo di aggiudicazione è un prezzo, non si tratta dopo il colpo di martello!

LEGGI ANCHE…
Marc Chagall: 13 Curiosità Poco Note Sul Pittore Dei Sogni

Domanda n°3 – E’ autentica?

L’autenticità è un problema enorme nel mondo dell’arte. Falsi famosi hanno coinvolto prestigiosi musei ed esperti collezionisti.

Per opere storiche e di particolare valore ci sono due strade per verificare l’autenticità di un dipinto: test scientifici della vernice e del materiale su cui è dipinto. Di solito uno scienziato della conservazione fa una serie di test e dichiara se tutto è (o non è) coerente con i materiali disponibili nel tempo della produzione dell’opera. Una volta fatto questo, un esperto nella stilistica dell’artista viene consultato per dare un parere in merito alla paternità del dipinto.

I falsi d’arte sono il problema più grande del mondo dell’arte. Alcuni angoli dell’art market sono sopraffatti e inondati da falsi e contraffazioni. Un collezionista dovrebbe chiedere i tre aspetti relativi all’autenticazione: provenienza, attribuzione, e informatica forense (solo in casi di particolare prestigio ed importanza).I collezionisti sono invitati a ottenere sia il certificato di autenticità che quello di provenienza al momento dell’acquisto. Questa traccia cartacea sarà utile all’acquirente per la ricerca di valutazioni, l’acquisto di un’assicurazione, o per fare una vendita in futuro. E magari per avere il tanto agognato ritorno dell’investimento.

Domanda n°4 – In che condizione è?

La condizione di un’opera d’arte rappresenta essenzialmente la sua salute.

E’ una questione decisiva al momento dell’acquisto. Eventuali danni riducono il valore e i costi di restauro vanno conteggiati nel costo complessivo di un acquisto. In caso di opere prestigiose, e di grande valore, si preferisce rivolgersi ad un esperto conoscitore e reaturatore di grande esperienza, per esaminarne le condizioni e offrire altre importanti osservazioni. Al momento di un acquisto immobiliare la parola d’ordine è location, location, location. Nell’arte è condizione, condizione. Se avete dei dubbi circa la condizione di un’opera d’arte, consultatevi con un esperto restauratore prima di procedere. Questo serve per risparmiare denaro e mal di cuore. Se invece avete preferito acquistare un’opera direttamente dall’artista e riscontrate un danno sull’opera avete la fortuna di potervi rivolgere direttamente allo studio dell’artista. Se l’artista non vuole ripristinare il lavoro, di solito raccomanda un restauratore di sua fiducia.

acquistare un'opera - restauro

Domanda n°5 – Siete abbastanza curiosi ed informati?

Misuratevi con l’arte. La curiosità e l’entusiasmo sono il fulcro del collezionismo.

Non abbiate paura di fare indigestione! Quando le mostre e le fiere d’arte sono di qualità, nutrono ma non saziano mai. Selezionate con cura le mostre, i musei, le fiere e le compagnie con cui frequentarle. Più imparate, più il vostro senso critico crescerà e più le vostre scelte saranno pertinenti e personali. E non dettate dal mercato, e da consigli interessati.

Ogni quadro è in definitiva una promessa non mantenuta, e ogni museo una intollerabile via crucis di promesse non mantenute. E davanti a un quadro è uno dei posti migliori in cui esperire il sentimento dell’impotenza. Stando cosi le cose, guardare i quadri è un’attività che conviene centellinare, per non farsi travolgere da quell’impasto di goduria e frustrazione a cui solo anime sottilmente perverse possono sopravvivere.

Alessandro Baricco

Infine, ultima cosa, e forse la più importante. Cercate di ottenere le informazioni giuste. Avrete sicuramente sentito dire che ‘non si compra con le orecchie ma con gli occhi‘. Infatti, non dovete lasciarvi sedurre dalle voci di corridoio, ma l’opera d’arte vi deve piacere; questo tuttavia non significa che non si debbano prendere informazioni. Al contrario, l’informazione giusta è un fattore di forza. Prima di prendere una decisione, accumulate la maggior quantità possibile di informazioni, interrogate diversi professionisti e confrontate poi i vostri dati.

Bene. Adesso dopo questa lettura, tornate a godervi la vostra ultima opera acquistata! Come? Non l’avete? Certo, al momento in cui vorrete acquistare un’opera d’arte, saprete a chi rivolgervi.

Ciao da Tommaso!

Vieni a visitarci sulla nostra pagina Facebook e Metti il tuo MiPiace!

0 commento

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare anche...

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

RENDITI CONSAPEVOLE.ENTRA NELLA NOSTRA LISTA...

RENDITI CONSAPEVOLE.
ENTRA NELLA NOSTRA LISTA...

ISCRIVITI per ricevere nella tua email i nostri articoli, i nostri contenuti speciali e tutte le novità del mondo di CiRifletto.

Grazie per esserti iscritto!