Scegliere il pensiero positivo

6 Dritte Per Sviluppare Il Tuo Pensiero Positivo

di Tommaso Baldi

Molti ne parlano, c’è chi sostiene che è una gran stupidaggine e non funziona, altre persone invece affermano che il pensiero positivo cambia la vita.

Il perseguimento del pensiero positivo aiuta ad apportare un valore aggiunto alla tua vita, a dar forma alla tua mente e a creare qualcosa di più duraturo di un semplice sorriso.

Indipendentemente che tu ci creda o meno, pensare positivo nella vita aiuta enormemente. Aiuta ad affrontarla nel migliore dei modi ed in maniera più efficace, con la conseguenza di vivere meglio. Più positivo sei e più sei apprezzato dalle altre persone. Vi siete mai chiesti come mai le persone positive sono circondate da tanta gente e riescono a coinvolgere con simpatia e semplicità?

Perché con pensieri positivi in testa, tutto risulta più facile e le azioni sono più convinte, efficaci e performanti. Mai notato l’azione di quando una persona è indecisa rispetto ad una decisa sul da farsi?  La differenza sta nel raggiungere il risultato voluto più velocemente.

LEGGI ANCHE…
L’Efficacia Di Una Comunicazione Espressa Al Positivo

Ma come è possibile sviluppare questa capacità? Ecco alcuni suggerimenti:

1 – Prendi consapevolezza che tutto è incastrato perfettamente nella tua vita ed avviene per un motivo.

Appena ti succede qualcosa di brutto i primi pensieri sono “che capperi vuole da me il mondo?”, “perchè tutte a me?”, “cosa ho fatto di male per meritarmi questo?” ecc… Allora, come fai a concepire che tutto è incastrato perfettamente ed avviene sempre per un motivo? Prima arriva lo sconforto poi giunge la consapevolezza. Dopo alcuni giorni, settimane, mesi, ti guardi indietro, notando che quell’avvenimento negativo ho portato positività nella tua vita.

Esempio. Hai un progetto in partenza che fallisce. Inizialmente ti arrabbi molto, dopo 2 mesi incontri una nuova persona che ti presenta un progetto migliore che parte e ti porta buoni guadagni. Se il primo progetto non fosse fallito, probabilmente non avresti conosciuto l’altra persona e non avresti intrapreso il progetto giusto per te.

2 – Scegli di vivere nel Qui ed Ora

Non ha senso pensare di progettare un evento e pensare a com’è andato male 10 anni fa. Oppure a cosa potrebbe succedere se va male tra 10 anni. Far questi confronti ha senso per evitare di andare alla cieca, ma dopo averlo fatto, vanno tolti dalla mente e pensare a quello che state facendo in quel preciso momento, nel ‘qui ed ora’. In conclusione, pensa a cosa è successo tempo fa, a cosa potrebbe succedere in futuro ma dopo averlo fatto, si consapevole del fatto che in base a come ti comporti OGGI, puoi cambiare la tua vita (se pensi e non fai niente ORA non cambierà nulla POI).

3 – Metti ogni avvenimento brutto che ti accade in relazione con la morte

Ogni volta che siete giù di morale, o il mondo sembra crollarvi addosso fate così. Mettete in relazione l’avvenimento accaduto con la “morte”. Qualsiasi cosa, appena successa, è una piccolezza rispetto alla morte. Inizierete a vedere tutto con un’ottica differente. Se riuscirete ad applicare questa dritta a tutti gli avvenimenti, vedrete che cambierà qualcosa nella vostra vita. In questa vita hai tanto da guadagnare e poco da perdere, mettitelo bene in testa!

pensiero positivo

4 – Comincia a convincerti che preoccuparsi e vivere nella paura è un enorme spreco di tempo

A cosa serve, obiettivamente parlando, vivere nella paura e nella preoccupazione che da un momento all’altro succede qualcosa di brutto? Preoccuparsi vuol dire “occuparsi della situazione prima del tempo” e, obiettivamente, la cosa non ha molto senso! Quando arriva il momento ci pensi! Preoccuparsi toglie una quantità enorme di energie che potresti incalanare per potenziare altre aree della tua vita.

5 – Impara ad essere soddisfatto di quello che hai e di quello che sei

Ci tengo a precisare. ‘Soddisfatto’ non significa che ci si deve sentire bene, adagiandosi, evitando di crescere e migliorarsi. Non intendo essere grati rimanendo fermi. Essere soddisfatto di cio che sei e che hai, significa stabilire obiettivi futuri, automotivanti per “sentirsi in viaggio”, osservare il passato per capire gli errori commessi, ed imparare da essi. E, come conseguenza di tutto ciò, avvertire una sempre più crescente sensazione di benessere per come si è adesso e per cosa abbiamo. Semplicemente questo.

6 – Stabilisci sempre un obiettivo da perseguire, piccolo o grande che sia

Ma serve davvero fissare un obiettivo? E poi… A cosa serve fissarsi un obiettivo? Queste domande, e altre simili, mi sono chiesto per tanto tempo, e sono sicuro che anche molti di voi se le sono fatte. Un detto recita così… ‘Non esiste direzione favorevole per chi non sa dove sta andando’, ed è proprio così. In un viaggio, in una fase di realizzazione, di work in progress, se non sai dove stai andando, e vaghi nell’oblio, quasi sicuramente non arriverai da nessuna parte, con successivo sgomento e delusione. Se, invece, conosci alla perfezione la tua meta, con perseveranza e determinazione, riuscirai a raggiungerla con conseguente soddisfazione e felicità.

Pensiero positivo

C’è del buono in questo mondo, padron Frodo. È giusto combattere per questo.

J.R.R. Tolkien – Le Due Torri

Quindi la priorità è stabilire l’obiettivo in termini di positività, precisione, misurabilità, iniziando a perseguirlo in piccole tappe, fin da subito.

Ciao da Tommaso!

Vieni a visitarci sulla nostra pagina Facebook e Metti il tuo MiPiace!

0 commento

Ti potrebbero interessare anche...

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More