La matematica nei capricci


La matematica nei capricci

Per spegnere i capricci dei figli ed evitare i conflitti perchè non usare un po’ di matematica?

Con la Teoria dei Giochi di John Nash, il matematico reso celebre da Russel Crowe in ‘A beautiful mind’, si può fare.

 

La Teoria dei Giochi, nata per studiare strategie militari e tecniche di spionaggio, in questo caso si cala nella parte della scienza che studia le interazioni tra individui e che ha gia’ diverse applicazioni nella pratica.

 

Ci sono alcuni presupposti necessari per potere applicare la teoria dei giochi:

 

  1. Gli individui giocano con lo scopo di vincere, quindi di massimizzare il loro risultato.
  2. Ogni partecipante può prendere un numero finito di decisioni;
  3. Ogni decisione assunta da un individuo durante il gioco ha delle conseguenze, che possono essere positive o negative;
  4. Il gioco può essere cooperativo, se più individui sono d’accordo con le decisioni assunte, oppure non cooperativo se ci si scontra sulle decisioni degli altri.

 

Il quadro che si prospetta alla nostra visione è sovrapponibile perfettamente ad una discussione tra genitori e figli in cui questi ultimi si cimentano in indicibili capricci che mettono alla prova la pazienza di babbo e mamma. Infatti i bambini discutono con lo scopo di vincere, si impuntano su poche cose decise a priori delle quali, poi subiscono le conseguenze e infine si pongono con i loro interlocutori (cioè noi, i genitori) con atteggiamento cooperativo quando va bene e non cooperativo quando si arriva allo scontro finale.

 

Per esempio, consideriamo la Teoria dei Giochi dietro le punizioni o i premi per i figli. Tutti conoscono la storia del papà che, andando in vacanza, minaccia di girare la macchina se i figli non si comportano bene, e tutti sanno anche il finale: i figli ignorano le minacce.

 

Angry mother scolding a disobedient child

 

La Teoria dei Giochi ha studiato la natura delle minacce già dalla Guerra Fredda. Il problema è che la minaccia fatta dal papà non è credibile. Lui vuole andare in vacanza quanto i figli, e loro lo sanno. Meglio, quindi, fare minacce piu’ credibili, come di fermarsi in un ristorante sgradito al figlio, o di ascoltare musica che non gli piace.

 

Altro esempio. ‘Io taglio, tu scegli‘ può essere un buon modo per dividersi le cose, mentre qualcosa che non può essere diviso può essere messo all’asta.

L’obiettivo è sempre raggiungere il cosidetto ‘ottimo paretiano‘, in cui tutti raggiungono il massimo della soddisfazione possibile senza intaccare quella degli altri.

 

Altri insegnamenti utili della teoria sono che è meglio usare dei premi per assicurarsi un comportamento, piuttosto che dare qualcosa e poi minacciare di toglierlo; e che è inutile puntare sull’empatia se si ha a che fare con bambini molto piccoli, perchè semplicemente ancora non l’hanno sviluppata (sarebbero tranquillamente in grado di mangiare una fetta di torta intera avendo davanti un bambino che non ce l’ha).

 

Però, frenate! La teoria dei giochi non è una panacea, e non può rispondere a qualsiasi problema si presenta.

 

Ma utilizzando la visione strategica di questa disciplina si può ridurre la frequenza dei piccoli conflitti in grado di far impazzire anche il genitore più paziente.

 

Saluti da Ilaria!!

 

Metti il tuo Mi Piace!

 

 

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi