La matematica con i Lego


La matematica con i Lego

La matematica si insegna in maniera divertente con i lego. E’ quello che ha fatto una prof. americana.

Ammetto che sono stato un appassionato delle costruzioni Lego. E lo sono ancora.

E ho sempre apprezzato lo spirito ingegneristico di questi mattoncini di plastica chiodati, il loro essere rigidamente rettangolari, la loro estetica perfetta. Ma non avevo mai pensato a loro per le potenzialità matematiche, applicate alla didattica.

 

Giocare con i Lego non è solo giocare. Oltre alle implicazioni creative evidenti, mentre i bambini giocano con i blocchi LEGO , stanno anche costruendo la loro consapevolezza spaziale e proporzionale, imparano a seguire delle sequenze e ad essere disciplinati nel seguire delle istruzioni. Non importa essere genitore o insegnante, i mattoncini danesi hanno comunque un enorme valore educativo intrinseco.

Però, diciamoci la verità, molti adulti, mamme, babbi, nonni, ecc… non sono cresciuti come Lego ‘lovers’ e perciò non riescono a trasmettere adeguatamente sia il valore ludico che il valore didattico. Perciò, se vi sentite così, cercate in cantina o nel ripostiglio vecchie scatole chiuse con dentro i mattoncini colorati e prendetevi un po’ di tempo per esplorare le loro funzioni. Contate le dimensioni, esplorate le possibilità d’incastro, verificate le varianti costruttive e in un attimo, vi garantisco, sarà…… MATEMATICA!!

 

lego1217

 

L’idea di rendere più divertente l’insegnamento della matematica per i bambini delle elementari è venuta ad un’insegnante newyorkese, Alycia Zimmerman, che ha spiegato come utilizzare i mattoncini colorati per fare lezione su frazioni, insiemi e persino matrici matematiche. E il suo metodo ha trovato numerosi sostenitori che lo hanno apprezzato e riproposto ai loro studenti. In dettaglio la professoressa Zimmerman ha preparato un vero e proprio prontuario di regole per organizzare una serie di lezioni incentrate sullo studio e sull’utilizzo dei Lego.

In sintesi, ciascuno studente riceve il suo pacchetto contenente pochi Lego, è libero di esplorarne le potenzialità matematiche individualmente, per poi essere accompagnato dal docente nel regno degli insiemi e in quello delle frazioni (che risultano davvero facili da comprendere utilizzando i bricks colorati). Con una conseguente esposione di creatività, entusiasmo, applicazione e condivisione da parte dei piccoli alunni.

 

Maggiore e minore con i Lego: un gioco matematico per i più piccoli

math-game

  • L’occorrente sono: mattoncini rossi e blu 2×4, cartoncini quadrati con su scritti i numeri, due cartoncini con i segni > e <, una base Lego.
  • Il bambino deve pescare due cartoncini a caso tra i numeri e li deve posizionare uno a destra e uno a sinistra della base Lego.
  • A questo punto il bambino deve pensare e scegliere quale simbolo, tra > e < deve posizionare nel mezzo ai due numeri scelti.
  • Dopo aver fatto la scelta, il bambino costruirà due torri alte tanti mattoncini quanto indicano i due numeri. Una torre blu in corrispondenza del numero a sinistra e una torre rossa in corrispondenza di quello a destra. Questo gli dimostrerà se la sua scelta è corretta.
  • Il bambino avrà una rappresentazione visiva chiara dell’equazione matematica che facilmente gli dimostrerà se aveva fatto la previsione corretta.

 

LO SAPEVI CHE…

  1. Il nome Lego deriva da Leg Godt che in danese significa ”gioca bene”.
  2. Ole Kirk Christiansen (fondatore della Lego) desiderava che la guerra non sembrasse interessante ai bambini perciò ordinò di non produrre mattoncini di colore particolarmente scuro.
  3. La Lego non è solo un gioco ma anche una forma di arte.
  4. La testa degli omini LEGO ha due buchi, in alto e in basso, che la trasformano in un tubo permettendo a un bambino di continuare a respirare anche se la inghiottisse.

 

Sperando che siano sempre di più gli insegnanti ad adoperare questo metodo, quasi quasi invidio i baby studenti di oggi per i quali si prospetta un duro e colorato lavoro!! Eccovi alcuni esempi divertenti e utilissimi.

 

Ciao a tutti da Tommaso!!

 

Consiglia ai tuoi amici CiRIfletto.it, metti il tuo Mi Piace!

 

[vc_row][vc_column][vc_gallery type=”image_grid” images=”1441,1442″ title=”Le frazioni possono essere una delle aree più frustranti per gli studenti, ma guarda come diventano semplici da comprendere se rappresentate con i mattoncini LEGO.”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_gallery type=”image_grid” images=”1446,1444″ title=”I blocchi possono anche aiutare gli studenti a scoprire i fattori. Per il numero 48, gli studenti potrebbero conoscere 1 e 48. Utilizzando i mattoncini 2X4, possiamo dividere il blocco in 6 parti. Utilizzando mattoncini 2×1, possiamo dividere il blocco in 24 parti.”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_gallery type=”image_grid” images=”1447″ title=”Oppure comprendere le potenze o perché un numero si chiama numero quadrato. I mattoncini Lego riescono a spiegare anche questo.”][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi