Bere Acqua Migliora La Nostra Produttività


Bere Acqua Migliora La Nostra Produttività

Se bevi, produci. Se rimani disidratato, peggiora la tua memoria e la tua capacità di attenzione.

 

Uno studio statunitense sostiene che idratazione e capacità cognitive sono strettamente collegate. Bere acqua aiuta ad essere più attento, ad avere un tempo di reazione più veloce e ricordare meglio le cose. Mentre la disidratazione peggiora, di gran lunga, queste capacità.

 

Ormai tutti sanno che idratarsi nella maniera corretta, aiuta noi, il nostro organismo e la nostra salute. In ogni angolo viene ripetuto di bere le giuste quantità di acqua al giorno. Anche sul nostro blog, con vari articoli come, 12 Buone Ragioni Per Bere Acqua, 7 Consigli Per Sviluppare L’Abitudine A Bere Acqua, si è parlato di questo argomento. Ma ora una ricerca svela che la giusta dose di acqua protegge il cervello e può rendere più produttivi sul lavoro.

 

Il legame tra disidratazione e calo delle capacità cognitive era stato oggetto di materia di ricerca anche tempo fa. Però, come sappiamo, gli appelli a bere tanto oppure contro la disidratazione, sono facili ad esaurire il loro clamore nella mente delle persone. E, di conseguenza, ce ne dimentichiamo velocemente, immersi nella stressante routine quotidiana. Ma, attenzione!! Non c’è bisogno di essere nel deserto, per fare sì che la mancanza di acqua ci faccia male. Anche una condizione di ‘leggera disidratazione’ può essere dannosa e renderci meno produttivi.

 

Lo studio del Weill Cornell Medical College’s Brain and Mind Research Institute, ha constatato che una perdita di acqua corrispondente al 5% del peso corporeo, può influire sull’attività neurale. La conseguenza sarebbe una riduzione delle prestazioni cognitive. La memoria a breve termine, l’attenzione e il tempo di reazione verrebbero indebolite.

Secondo gli esperti, infatti, emerge: “… che anche una leggera disidratazione può avere un forte impatto sulle capacità lavorative e sulla produttività delle persone”.

 

30_allavoro

 

Perciò, è bene ricordare quanto sia importante bere 2/2,5 litri di acqua al giorno. Oppure bere molto e iniziare a variare la propria alimentazione in modo da, come si dice, ‘mangiare tanta acqua’. Cioè mangiare quei cibi molto ricchi di acqua come frutta e verdura.

 

Alcune ricerche hanno stabilito un collegamento fra tutto questo e gli incidenti sul lavoro durante l’estate, periodo dell’anno in cui si è spesso assetati per le alte temperature. Inoltre, una ricerca del 2004, parlò di un forte calo di produttività fra i forestali ‘disidratati’. Chi beveva poco aveva un calo di produttività del 12%. Quindi prestiamo molta attenzione alle nostre scelte, scegliere di bere, scegliere di non bere. Tutte scelte facili da prendere ma facili anche da non prendere. Il problema, però, è che i risultati in negativo, o in positivo, non si vedranno nell’immediato ma col passare del tempo.

 

Il consiglio è quindi quello di bere molto, senza esagerare però. Perché il rischio è quello di passare troppo tempo nel bagno durante l’orario di lavoro.

 

Ciao da Tommaso!

Metti il tuo Mi Piace!

 

 

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi