I Nostri Animali Durante Le Vacanze


I Nostri Animali Durante Le Vacanze

Andando in vacanza, come organizzarsi con i vostri amici animali?

 

Quando andate in vacanza, si pone il problema di quale sia la soluzione migliore da adottare per i vostri amici animali. Necessitano di cure durante la vostra assenza, perciò è di fondamentale importanza che decidiate, prima di partire, chi si occuperà di loro.

 

Ci sono due casi possibili:

 

1 – Animali al seguito

 

Innanzitutto accertiamoci che l’alloggio, che ci ospiterà, sia adatto al nostro animale. Molti alberghi sono attrezzati per l’accoglienza degli animali, ovviamente rispettando regole e costumi. Per far fare un viaggio sereno ai nostri amici animali, è doveroso seguire alcuni piccoli accorgimenti:

  • per evitare la luce diretta del sole applicate ai vetri dell’auto tendine parasole.
  • evitate di viaggiare durante le ore più calde della giornata se non si dispone in auto di aria condizionata.
  • furetti, gatti e conigli vanno fatti viaggiare sempre nel trasportino.
  • bagnate occasionalmente il muso e la fronte del vostro animale per rinfrescarlo
    non lasciate mai gli animali in auto da soli.
  • per tutta la durata del viaggio l’auto deve essere ben areata per evitare colpi di calore ma senza esagerare, per evitare il rischio opposto dei colpi d’aria.

 

2 – E quando non li potete portare con voi?

 

Se portarli con voi, non è possibile, dovete prendere in considerazione altre soluzioni. La soluzione più semplice, e meno dispendiosa, è quella di affidarsi alla disponibilità di amici e/o parenti fidati. Che possano prendersi cura del vostro animale, mentre voi siete assenti. Accordatevi col dovuto anticipo, in maniera da essere sicuri che la persona interpellata sia davvero disponibile a assumersi l’incombenza.

 

Alla persona incaricata si deve chiedere, non solo di dare il cibo all’animale, ma anche di coccolarlo e di passare un po’ di tempo insieme a lui e, prima, di fare conoscenza con l’animale, in vostra presenza. Un’alternativa è quella di affidarsi agli “animal sitter”, ma solo se ottimamente referenziati.

 

Un’altra possibilità è quella di alloggiare i nostri piccoli amici in una pensione per animali, anche se spesso i costi sono elevati. A due condizioni però:

 

  • averle le visitate di persona, senza preavviso. Per valutarne le condizioni igieniche, lo stato degli animali, già nella struttura e la professionalità del personale addetto.
  • aver verificato con sicurezza che le gabbie, a disposizione degli animali, siano grandi a sufficienza  per garantire loro la comodità necessaria.

 

animali-vacanza-700x375

 

Infine possiamo provare ad affidarci al web che, con alcuni siti internet, ci fornisce i servizi che fanno per noi.

 

PAWSHAKE

Uno di questi è Pawshake.it (letteralmente, “stringiamoci la zampa”), il sito che permette di selezionare un amante degli animali a cui affidare il proprio gatto, cane o altro amico con due o quattro zampe. Disponibile online, ma anche via app (sia iOS sia Android), il sistema richiede di inserire il proprio indirizzo di residenza e poi mostra l’elenco dei pet sitters più vicini con relative recensioni lasciate da precedenti clienti.
In più, è possibile vedere quali sono gli animali ammessi, per quale periodo e il costo che si dovrà sostenere per il periodo di ferie. Infine, il servizio fornisce anche un’assicurazione gratuita per coprire l’assistenza veterinaria, in caso di bisogno.

 

DOGBUDDY

Pensato esclusivamente per i cani, invece, il servizio DogBuddy.com , una community dedicata agli amanti degli animali e fondata nel 2013. L’intuizione è nata dall’esigenza personale di Enrico Sargiacomo, creatore del servizio, anch’esso proprietario di un cane.
Così ha deciso di costruitre una community online in grado di mettere in contatto i proprietari dei cani con altri amanti degli animali che offrono ospitalità.
Attualmente DogBuddy opera in Italia, Spagna, Francia, Germania e Inghilterra.

 

PETSHARING

Un’altra soluzione è PetSharing.it , un sito che nasce dall’esperienza di una ragazza americana, Jennifer Schwartz, che per molti anni ha vissuto in Italia.
Si tratta di un’associazione senza scopo di lucro che ha l’obiettivo di limitare l’abbandono di animali attraverso una community di volontari.
Il sistema funziona in modo simile agli altri due, ma è gratuito. L’unica richiesta è una quota annuale di iscrizione di 30 euro. L’importo dà diritto ad alcuni diritti, tra cui una carta sconto presso strutture convenzionate e una copertura assicurativa a prezzo ridotto.

 

Spero che questi consigli vi siano d’aiuto! Buone vacanze!

 

Saluti da Alice!

Metti il tuo Mi Piace!

 

 

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi