6 benefici della pittura come terapia

di Tommaso Baldi

Si può ricorrere all’arte per risolvere conflitti, problemi di comunicazione, difficoltà di espressione e molti altri aspetti psicologici.

Esistono molti aspetti che vincolano l’arte alla psicologia in generale, come la percezione, l’emozione, il ricordo, il pensiero e il linguaggio. Gli effetti benefici dell’arte nell’aiutare chi ha problemi comportamentali o di socializzazione, o interazione con l’esterno sono risaputi. Perché l’arte in tutte le sue espressioni (pittura, danza, musica, scrittura, teatro, etc.) libera la soggettività della persona e aiuta a ritrovarsi.

L’arte è l’espressone dei sentimenti più profondi nel modo più semplice. (Albert Einstein)

La pittura, nello specifico, è un bellissimo modo di esprimersi, per manifestare sentimenti e pensieri quando c’è bisogno di comunicarli e non si sa come fare. È un tipo di terapia alternativa e naturale che può avere molteplici benefici.

20081129pittura

  1. La comunicazione migliora. Le persone inizialmente sono timide e riservate ed hanno difficoltà a comunicare con gli altri. Tuttavia, con la pittura le persone timide riescono a superare il muro della comunicazione e a liberare la loro creatività, fino ad esprimere sentimenti ed emozioni.
  2. L’autostima si rafforza. Quando la pittura viene praticata in un ambiente non competitivo, rilassante e gradevole, possono essere raggiunti grandi obiettivi personali e ciò accrescerà la propria autostima. Quest’aspetto si rivela importante per persone con problemi di dipendenza e che hanno bisogno di aumentare la loro autonomia ed imparare a volersi bene e a valorizzarsi.
  3. Si recupera motricità. Come quando suoniamo uno strumento, anche con la pittura, maneggiando un pennello o una matita, impariamo a regolare i movimenti della mano e sviluppiamo connessioni cerebrali relazionate con questa abilità.
  4. Tutto il cervello lavora. Con il disegno e la pittura vengono stimolati entrambi gli emisferi del cervello, destro e sinistro. L’emisfero sinistro ha a che fare con l’aspetto logico e razionale, mentre quello destro è collegato alla creatività e alle emozioni. Così questa sinergia provvede a liberare l’immaginazione e a lasciarla volare, affinchè anche i pensieri più profondi, rimasti sopiti, possano esprimersi.
  5. Aumenta la concentrazione. Dedicarsi alla pittura, o ad altre forme d’arte, richiede concentrazione. Dipingere può essere un lavoro minuzioso che consente di dimenticarsi dell’ambiente e di lasciarsi andare, facendo passare il tempo senza rendersene conto. E anche quando diventa gestuale ed istintivo, la concentrazione rimane comunque, una parte fondamentale del lavoro.
  6. Le emozioni fluiscono libere. Le emozioni sono una parte molto importante della creatività. Con la pittura è possibile lasciarle fluire e sperimentare la felicità, la tristezza, l’amore, il dolore, l’empatia e la pace interiore. La sensazione di relax che si ottiene con la pittura aiuta a raggiungere un equilibrio armonico tra la mente e il cuore.

Non si tratta di dipingere la vita, si tratta di far vivere la pittura. (Paul Cézanne)

Bene. Lasciate attraversare la vostra vita da un vento di pittura. Non intendete praticarla? Non c’è problema. Anche solo vederla, discuterla, studiarla e analizzarla nella produzione di altri artisti vi porterà benessere e salute mentale e culturale.

Ciao da Tommaso!

Metti il tuo Mi Piace!

1 commento

Ti potrebbero interessare anche...

1 commento

Corso di ceramica: la decorazione e i benefici - Liberati 8 Febbraio 2017 - 17:09

[…] prodotti dalla decorazione, in particolare pittura, rimando al bellissimo articolo sul blog Ci Rifletto da dove ho preso spunto anche […]

Risposta

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More