8 film che ti cambiano il modo di pensare

di Tommaso Baldi

8 scene meravigliose che ti faranno riflettere e che ti faranno cambiare il modo di pensare

Eccoci qua. Da questo articolo introduciamo un argomento a me molto caro, quello del cinema, della sua storia, dei suoi personaggi e delle sue tecniche.

Il cinema è stato il mio primissimo amore, la mia più trascinante passione. E lo è tutt’ora, anche se adesso cerco di condividerla con la mia famiglia, con mia moglie e con i mei figli.

La settima arte, come tutte le altre arti, è fonte di grandi insegnamenti tecnici e di vita. Basta avere la voglia di guardare e anche capire quello che succede sullo schermo. Il cinema riempie i momenti di noia, diverte, appassiona ma sa anche cambiare il nostro pensiero in pochi istanti.

Il cinema ti segna e ti insegna. A volte sono solo pochi fotogrammi di un film che si ricordano, altre volte si ricorda l’intero film, altre siamo in grado di citare una sola frase. In un modo o in un altro, tutti siamo stati segnati da una serie di film o anche solo da poche scene, la settima arte è arte per tutti.

Per questo qui di seguito ho selezionato 8 scene di altrettanti film che costringono lo spettatore attento a riflettere o addirittura a modificare il suo modo di pensare.

OGNI MALEDETTA DOMENICA – Questione di centimetri

Il discorso di Al Pacino, nel ruolo di Tony D’Amato, alla squadra negli spogliatoi, rimane una delle scene più belle del fil, un insegnamento che oltrepassa i confini del football per approdare alla vita e alle difficoltà di tutti i giorni. Aiutarsi, lottare uno a fianco all’altro in maniera leale, lottare insieme ai propri compagni fino a raggiungere uno scopo comune.

THE BIG KAHUNA – La vendetta non è la risposta

Già, la vendetta non può essere la risposta ai nostri problemi. La risposta sono “Io”. L’obiettivo della vita non può costruirsi in relazione ai risultati degli altri. Ecco che Phil Cooper-De Vito, con le sue parole fa capire una cosa importante, cioè che non vale la pena di perder tempo con l’invidia. A volte sei in testa. A volte resti indietro. La corsa è lunga e alla fine devi fare i conti solo con te stesso.

L’ATTIMO FUGGENTE – Cogliete l’attimo, trovate la vostra strada

Il tempo a nostra disposizione è sempre più scarso e perciò è indispensabile guardare il mondo da più angolazioni per verificare se una di queste angolazioni ci permetterà di scovare quella che più si addice alla nostra personalità. Qui due video per celebrare la straconosciuta ‘Oh capitano, mio capitano’.

BLADE RUNNER – Io ne ho viste di cose…

Monologo struggente di Rutger Hauer che dopo anni di schiavitù da robot fuori da quella città, nell’istante della libertà dalla paura, morendo è triste perchè tutti i suoi ricordi del ‘la fuori’ andranno persi come lacrime nella pioggia. Invito delicato a scoprire cosa c’è oltre.

PULP FICTION – L’uomo timorato

Storia incentrata sulla redenzione. Di solito l’idea di fondo dei gangster-movie è la punizione di chi cerca di uscire dal gruppo o dalla famiglia. Invece in Pulp Fiction vediamo come ad essere punito non è chi esce, ma chi rimane all’interno del mondo criminale. Condanna di un gravissimo peccato che deve essere duramente punito.

KILL BILL – La filosofia dei supereroi

Nessuna parola da aggiungere ad un monologo di David Carradine in cui la metafora del supereroe diventa metafora di vita. Come solo un funambolo del cinema come Tarantino sa fare.

L’AVVOCATO DEL DIAVOLO – Il Diavolo e Dio

Splendido monologo di un Al Pacino diabolico che si confronta pregi e difetti con Dio.

CODICE D’ONORE – Il prezzo della libertà

Suggestivo scambio di battute tra Tom Cruise e Jack Nicholson in merito alla libertà, a chi la fornisce, a chi la difende e a quali possono essere i sacrifici di tutti per mantenerla.

Bene adesso perchè non mi dite cosa ne pensate? Conoscevate questi film? Vi piacciono?

Lasciatemi i vostri pensieri qui sotto nei commenti.

Ciao da Tommaso!!!

Metti il tuo Mi Piace!

0 commento

Ti potrebbero interessare anche...

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Send this to a friend